LA BICICLETTA NASCITA DI UN MITO

LA BICICLETTA NASCITA DI UN MITO

In un’epoca che è ormai lontana in cui Maurice Garin, che di professione faceva lo spazzacamino, vinceva il primo Tour de France e veniva squalificato alledizione successiva per aver preso il treno durante la corsa (sì, avete letto bene), è quasi facile immaginarsi un pittore attratto dallespressionismo e da Munch, girare per la campagna francese alla ricerca di un soggetto da ritrarre, magari proprio in sella a una di quelle prime biciclette a scatto fisso, dove non è possibile né pedalare a vuoto allindietro né tantomeno smettere di pedalare. Difficile oggi pensare ad un’immagine così, oggi la bici si usa per fuggire dallo stress la domenica o per andare al lavoro. Qual è quindi la storia del filo sottile che collega un pittore francese ad un ciclista improvvisato? Ad Asiago saranno in esposizione i modelli più significativi della collezione di Luigino Cenzi.

 Asiago – Museo Le Carceri

“La Bicicletta nascita di un mito”

orari: 10.00 / 12.30 – 15.30 / 19.30

dal 15/5 al 30/6: sabato, domenica e festivi

dal 1/7 al 3/9: tutti i giorni 

0 0 597 23 maggio, 2017 ARTE maggio 23, 2017

About the author

View all articles by admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>