• IL NUOVO FILM DI ERMANNO OLMI

IL NUOVO FILM DI ERMANNO OLMI

Il progetto del nuovo film di Ermanno Olmi sulla Grande Guerra prende forma


Il progetto del nuovo film di Ermanno Olmi sulla Grande Guerra si sta concretizzando, anche sul piano dei finanziamenti.
Sono state intanto individuate le zone dell´Altopiano per le riprese ed è terminato il casting per gli attori non protagonista.
Il film, che dovrebbe intitolarsi semplicemente “14 – 18”, parte dai ricordi di un vecchio pastore, chiamato “Toni matto” per la sua straordinaria capacità di raccontare storie, che visse da giovane soldato i combattimenti della prima guerra mondiale. Combattimenti avvenuti là dove da anziano fa pascolare i suoi animali e da bambino aveva giocato e vissuto.

La pellicola ha ricevuto un finanziamento da parte di Vicenza Film Commission di 20 mila euro, ed è stata ammessa alla possibilità di accedere ai fondi statali messi a disposizione di progetti inerenti il centenario dell´inizio della Grande Guerra.
«Né Comuni né Regione hanno ricevuto richieste di finanziamento – spiega il sindaco di Asiago Andrea Gios – Massimo appoggio e sostegno in tutto quello che possiamo fare, invece, è sottinteso: un film di Olmi sulla Grande Guerra girato sull´Altopiano non è solo motivo di orgoglio, ma sopratutto di prestigio per il territorio confermando la centralità storica dell´Altopiano nel testimoniare cosa fu la Grande Guerra».

Al casting ospitato al palazzo Millepini di Asiago, promosso dalle società di produzione “Cinema11undici” e “ipotesICinema”, si è presentato oltre un centinaio di aspiranti attori.
Pare sia stato già individuato l´attore di origine napoletana, capace anche di cantare, che dovrebbe rivestire il ruolo dell´alpino conducente che ogni giorno portava con il mulo il rancio e la posta ai soldati di prima linea: cantava così bene che anche gli austriaci lo ascoltavano con commozione.

Le riprese dovrebbero iniziare verso novembre e concludersi nel febbraio prossimo. Buona parte del film si svolgerà all´interno di una trincea italiana, e le riprese dovrebbero essere fatte nei pressi del Monte Zebio. In Val Giardini saranno ricostruiti scenografie per le riprese impossibili da fare all´interno di trincee vere.

[da Il Giornale di Vicenza del 24 settembre 2013]

1 Commenti disabilitati 5286 09 ottobre, 2013 PERSONAGGI ottobre 9, 2013

About the author

View all articles by admin