LA ROSSA DI ASIAGO

LA ROSSA DI ASIAGO

L’impresa di Matteo Rigoni e la sua coltivazione di fragole. Una storia tutta da raccontare, ma soprattutto da gustare! Il protagonista è un giovane imprenditore più che trentenne che circa otto anni fa ha intrapreso la propria sfida, la coltivazione delle fragole di montagna. Dove? Alle pendici di Cima Ekar, più di mille metri di altitudine. Una scommessa d’impresa, diventata in breve tempo un successo, un esempio di come sia possibile valorizzare i prodotti e le eccellenze tipiche del territorio, mantenendo così il legame tra le giovani generazioni e l’Altopiano di Asiago. “La Rossa d’Asiago” è una varietà di fragola particolarmente ricercata e apprezzata, ricca di vitamina C con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. “La Rossa” nasce in serra su un appezzamento, dato in affitto in concessione dal Comune di Asiago all’azienda agricola da lui gestita. Rigoni che ha chiamato la fragola “La Rossa” pensando alla Ferrari perché fosse di buon auspicio, racconta la sua azienda: «Abbiamo iniziato nel 2014 dopo aver trascorso un anno in giro per il Trentino Alto-Adige per capire quali potessero essere i frutti e le varietà più adatte al nostro territorio – ha detto Rigoni -. I primi 3 mila metri quadri coltivati in serra sono diventati 5 mila e 500, e alle fragole di montagna si sono aggiunti, da tre anni, anche i piccoli frutti come mirtilli, lamponi e more. Abbiamo studiato quali fossero le varietà migliori. Grazie agli sbalzi termici tra giorno e notte riusciamo ad ottenere un frutto particolarmente gustoso, utilizzato proprio per i suoi pregi anche in molti ristoranti e pasticcerie».
0 0 657 02 agosto, 2022 SAPORI agosto 2, 2022

About the author

View all articles by admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>