L’ESTATE È SEMPRE PIÚ “STELLARE”

L’ESTATE È SEMPRE PIÚ “STELLARE”

Asiago meta turistica stellare con il progetto Skyscape che punta a sensibilizzare sul tema dell’inquinamento luminoso, fenomeno che rappresenta sempre più una minaccia per l’uomo e per l’ambiente. Anche l’osservazione della volta celeste è infatti un patrimonio collettivo da preservare, a maggior ragione sull’Altopiano di Asiago. Un territorio unico con caratteristiche tali che lo pongono di diritto tra le mete astro-turistiche per eccellenza: non solo la lontananza dai grandi centri urbani, ma anche la presenza di due tra i più importanti Osservatori astronomici e astrofisici presenti in Italia. Tra uscite escursionistiche a tema e visite guidate dall’Osservatorio, fino alle attività organizzate dal Museo Naturalistico “Patrizio Rigoni”, gli operatori turistici locali hanno accolto con entusiasmo il progetto finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020, di cui è partner insieme a Cornedo all’Isarco (Bolzano), Talmassons (Udine) e al Tiroler Umweltanwaltschaft, Ente governativo austriaco di tutela ambientale. Due gli eventi di particolare rilievo, che vedranno la partecipazione dell’Associazione “Veneto Stellato”. Il 26 luglio alle 21 in Piazza Duomo il Dottor Andrea Bertolo dell’Osservatorio Regionale Inquinamento luminoso dell’Arpav e il Dottor Stefano Ciroi dell’Università degli studi di Padova hanno condotto una serata divulgativa sull’inquinamento luminoso. Durante “La Notte Nera” in piazza Duomo il 21 agosto ci sarà invece un collegamento in diretta con gli astronomi all’Osservatorio astrofisico di Cima Ekar. A seguire ci sarà una parata e spettacoli per le vie del centro cittadino.
0 0 609 11 agosto, 2021 ZOOM agosto 11, 2021

About the author

View all articles by admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>