• LA MALGA SI RACCONTA
  • LA MALGA SI RACCONTA
  • LA MALGA SI RACCONTA

LA MALGA SI RACCONTA

Porta la firma del “guru dei formaggi” Alberto Marcomini un nuovo volume ricco di foto che indaga e racconta l’Altopiano attraverso uno dei suoi loghi simbolo: la malga.
Lo scorso settembre, in occasione del tradizionale rito della transumanza che coincide con la fine dell’alpeggio estivo, il Comune di Asiago ha organizzato un evento per presentare il libro di Alberto Marcomini “Asiago in Malga”, fresco di stampa. L'opera, a cura del giornalista e scrittore che ha ideato e promosso l'evento "Made in Malga", anche quest’anno svoltosi con grande successo il primo week end di settembre, rappresenta un interessante ed approfondito viaggio in un mondo – quello delle malghe e del formaggio di montagna -  che maggiormente caratterizza la storia locale e in cui confluiscono valori e tradizioni che appartengono a tutto il territorio altopianese.
Il libro, suddiviso in più capitoli, narra la storia dell'Altopiano di Asiago descrivendone la geografia, il sistema delle malghe e l'alpeggio con le sue regole. Quindi, volgendo l'attenzione proprio sulla produzione del formaggio di montagna, si sofferma sulla vita in malga raccontando storie e facce di malghesi, inserendo pure 12 ricette a tema create dagli chef della città; tutto ciò riservando un affettuoso sguardo a paesaggi e pascoli, celebrati in 200 fotografie realizzate appositamente dagli esperti fotografi Paolo e Sara Castiglioni.  
 I paesaggi, gli animali, i volti ritratti nei loro splendidi scatti fotografici fanno di questo lavoro uno spaccato essenziale della vita della gente del posto, incastonato in una cornice di toccante amore verso un territorio unico e ricco di tradizioni.
Come scrive Marcomini nella sua introduzione al volume: “Durante l’estate quando riesco a liberarmi dai molti impegni quotidiani, salgo e percorro i vecchi sentieri, i camminamenti e le trincee della prima guerra mondiale: ovunque si vada prima o poi incontri una malga dove da giugno a fine settembre le mandrie salgono, attraverso l’antico rito della transumanza, sugli alpeggi. Ce ne sono più di ottanta attive e ognuna di loro è un monumento alla cultura di montagna. Spesso mi fermo a chiacchierare con il malghese, l’ospitalità è sempre genuina, c’è sempre un bicchiere di vino, una fetta di polenta e un pezzo di formaggio. Si parla del tempo, delle stagioni che cambiano, di animali, di funghi, di cose semplici, che danno pace e che rafforzano un forte legame con questi luoghi”.
Un libro da leggere, conservare e regalare agli amici che amano l’enogastronomia e la cultura legata ai territori in cui l’eccellenza agroalimentare tipica italiana si esprime al suo meglio.
Per chi volesse interagire con gli autori, è in programma un incontro con Alberto Marcomini e Paolo castiglioni Lunedì 5 gennaio 2015, alle ore 17.00, nell’ambito della rassegna ‘Incontro con l'autore sotto l'albero’ organizzata dalla Libreria Giunti al Punto di Asiago.
0 0 1162 04 febbraio, 2015 SAPORI febbraio 4, 2015

About the author

View all articles by admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>